Vai al contenuto
Home » Samp retrocede in Serie B e Genoa promosso in Serie A 2023

Samp retrocede in Serie B e Genoa promosso in Serie A 2023

La situazione opposta di #sampdoria e #genoa tra #seriea e #serieb Le due squadre di Genova stanno attraversando momenti opposti. Se i blucerchiati sono alle prese con uno dei momenti più complicati di tutta la loro storia, i rossoblù stanno invece trovando l’uscita dal tunnel nel quale erano finiti un anno fa.

Nonostante militino attualmente in due categorie diverse, la comune appartenenza cittadina permette di instaurare un parallelo tra le due squadre. La Genova calcistica sta mostrando due volti molto diversi tra loro. La Sampdoria appare sempre più nel baratro. Il Genoa sta baratro sta sembra stia uscendo. Una situazione che, almeno al momento, propone prospettive diametralmente opposte per le due società. Prospettive che, se la parabola delle due formazioni che disputano il Derby della Lanterna dovesse continuare in maniera lineare, potrebbe anche portare ad un ribaltamento completo negli equilibri. Il Genoa in Serie A e la Sampdoria in Serie B. Certo, nel calcio le prospettive ed i momenti possono cambiare molto in fretta. Tuttavia, almeno allo stato attuale, non si vedono possibili svolte impreviste.

Sampdoria, momento e prospettive: da Ferrero a Stankovic

Da molti anni la Sampdoria è lontana dai fasti del passato. Ma mai come quest’anno la situazione è apparsa critica. Le vicende giudiziarie che hanno portato all’arresto del proprietario Massimo Ferrero hanno di fatto bloccato la capacità finanziaria del club. Questo ha portato ad un progressivo impoverimento della rosa, per via delle cessioni necessarie per tentare di sistemare i conti. Il fatto, poi, che la società sia nel mezzo di una incerta cessione, con possibili acquirenti che prima si palesano per poi farsi indietro, è un ulteriore elemento di destabilizzazione. Non stupisce che i risultati sul campo siano negativi. Il lento stillicidio di prestazioni incolori e sessioni di calciomercato inesistenti pare avere davvero infiacchito l’animo dei giocatori rimasti.

Nemmeno richiamare il tecnico Marco Giampaolo, protagonista di una delle ultime parentesi positive del club ha funzionato. Esonerato dopo 8 giornate nella presente stagione è stato sostituito dal serbo Dejan Stankovic. Tuttavia, la Samp ancora arranca. La squadra è attualmente penultima in Serie A con un demoralizzante ruolino di marcia di 1 vittoria, 3 pareggi e 11 sconfitte. L’ex allenatore della Stella Rossa non sembra essere ancora riuscito ad incidere. Al momento, dunque, le prospettive per la Sampdoria non sono buone. In assenza di svolte rapide ed inaspettate, come la cessione ad una nuova proprietà, sembra difficile che possa restare in Serie A. Al lavoro per la ripresa del campionato Stankovic e la squadra proveranno certamente a compiere l’impresa. Tutti i tifosi sperano che riescano a farcela.

Genoa, la retrocessione e la riconferma di Blessin: ora il nuovo esonero e la rinascita con Gilardino

Un momento davvero molto diverso stanno vivendo i cugini del Genoa. I rossoblù il loro momento più nero lo hanno vissuto la scorsa stagione con la retrocessione in Serie B. Nonostante ciò, i buoni progressi visti nel gioco avevano convinto la nuova proprietà a confermare l’allenatore tedesco Alexander Blessin. Un inizio di stagione che vedeva il Grifone stazionare saldamente nelle posizioni di testa, con legittime aspirazioni di una pronta risalita in Serie A, sembravano confermare la bontà della scelta. Tuttavia, ad un certo punto qualcosa sembrò rompersi negli equilibri di squadra. La squadra inizia a perdere punti e posizioni ed anche il gioco ne risente. Il nervosismo nell’ambiente inizia a montare e il tecnico tedesco non sembra in grado di tenere dritta la barra.

Il punto di non ritorno si raggiunge dopo la nuova sconfitta contro il PerugiaBlessin sbotta malamente in conferenza stampa ed arrivare ad etichettare i suoi giocatori come “dilettanti“. Da lì in poi la situazione si esacerba ulteriormente e l’esonero del tedesco diventa ad un certo punto inevitabile. Come traghettatore viene scelto l’allenatore della Primavera Alberto Gilardino. Nessuno si aspetta cose particolari dal nuovo tecnico del Genoa, solo che mantenga la panchina fino a quando non si trova un altro allenatore. Tuttavia, a sorpresa, i rossoblù ritrovano equilibrio e grinta. Nelle ultime quattro partite, ovverosia da quando Gilardino siede sulla panchina, il Genoa ha collezionato tre vittorie ed un pareggio. Il successo forse più soddisfacente è stato quello per 1-0 contro il Frosinone capolista. Ora il Grifone è di nuovo terzo in classifica, e guarda anche ad una possibile promozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  −  5  =  1