Vai al contenuto
Home » Migliori Moto 2022

Migliori Moto 2022

  • Mondo

Le migliori moto nel 2022

01 Italjet Dragster 500 GP

È lo scooter che ci ha colpito di più. A essere sinceri definirlo scooter è forse riduttivo perché è una sorta di crossover tra una moto, con un telaio a traliccio a vista che richiama la Ducati, e un moderno scooter con lo scudo in primo piano. Le pedane da moto sono accompagnate dai profili aerodinamici in stile Moto Gp. A spingerlo un 450 cc monocilindrico da 43 cavalli con 43 Nm di coppia. Il peso è pari a 180 kg.

02
Il concept Vmoto e Pininfarina

Vmoto Soco Group e Pininfarina hanno svelato un avveniristico concept dove sono sono esplicitati tutti i vettori tecnologici che seguirà la casa motociclistica cinese. Uno di essi è la massima efficienza aerodinamica, un altro riguarda invece la batteria supplementare rimovibile posizionata integrata nel telaio (soluzione che è visibile nel concept mostrato a Eicma).

03
Aprilia ELECTRICa Project

L’Aprilia ELECTRICa Project è la naturale evoluzione della casa di Noale. Si tratta di una moto completamente elettrica dove sono state messe in pratica tutte le conoscenze di Piaggio nel mondo della mobilità elettrica (Aprilia fa parte del gruppo italiano). Si distingue per uno stile giovane e fresco, perfetto per la città. Non sono state diffuse le specifiche tecniche.

04
Vespa GTV

La Vespa GTV all’interno della famiglia è l’ambasciatrice della classicità più pura grazie all’adozione del cosiddetto “faro basso”. La nuova Gtv è spinta dal monocilindrico 300 hpe (High Performance Engine), con distribuzione a 4 valvole, raffreddato a liquido e dotato di iniezione elettronica. Accreditato di una potenza pari 23,8 cavalli, si tratta del motore più performante mai montato su una Vespa.

05
Bimota Kb4 RC 2023

Rispetto all’enduro TERA, la Bimota Kb4 RC 2023 non rappresenta una novità assoluta, anche se la naked può contare su alcuni aggiornamenti tecnici che hanno interessato particolari come la forcella. La Bimota KB4 RC 2023 resta comunque irresistibilmente bella. Una naked per cui perdere letteralmente la testa. Telaio raffinato in puro stile Bimota, con un colore rosso fuoco, carenature grosse, squadrate e sporgenti, con una coda tronca che ne sottolinea ulteriormente il carattere. A spingerla il quattro cilindri in linea da 1.043 cc della Ninja 1000 SX, con 142cv e 115 Nm di coppia (Kawasaki ha acquisito il 49,9% della Bimota e avviato una partnership tecnica).

06
Super Soco TC Wanderer 2023

Non ci sono novità di rilievo per la Super Soco TC Wanderer 2023, una moto cittadina che si caratterizza per uno stile retrò. Le prestazioni sono “oneste” (la moto è in grado di raggiungere 70 km/h), anche perché non è stata realizzata per andare forte ma per consentire spostamenti in città in modo rapido e smart.

07
Vespa GTS SuperSport 300 HPE

Si distingue per colori lucidi e opachi, con inserti in carbon look e finiture in nero lucido che risaltano l’ampia gamma di livree disponibili. A spingerla il motore da 300 cc che eroga 23 Cv. Prezzi da 6300 euro.

08
Aprilia Tuareg

L’Aprilia porta a Eicma 2022 due monopattini. Il più interessante è il Tuareg, che riprende sia il nome che le linee della moto della casa di Noale. Le caratteristiche tecniche sono buone, con telaio in lega di alluminio, sospensioni anteriori e posteriori, luci a led anteriori, posteriori e laterali. Non mancano le frecce di direzione, posizionate dietro. Il motore da 350 W Brushless, con coppia di 19.6 Nm, consente al monopattino di raggiungere una velocità massima di 25 km/h (limitata). Prezzi da 799 euro.

09
Brough Superior Dagger

Siamo al cospetto di una roadster, estrema e d’impatto. La Dagger vanta un poderoso bicilindrico a V di 90° da 1000 cc, ottenuto tramite lavorazione CNC partendo da un unico blocco di alluminio. La potenza è di 102 Cv, con una coppia di 87 Nm. Tutto in questa moto è curato alla perfezione, a partire dal telaio in titanio lavorato a macchina, fino ad arrivare alle sovrastrutture in fibra di carbonio satinata, per concludere ai dettagli in bronzo.

10
AMB Pro by Aston Martin e Brough Superior

La AMB 001 Pro, disponibile nella sola specifica Pro, è l’erede dalla AMB 001, andata esaurita, ed è ispirata alla hypercar da pista Valkyrie AMR Pro di Aston Martin (anch’essa presente allo stand di Eicma). Offre un 25% di potenza in più rispetto alla precedente, con i suoi 225 cavalli che producono un rapporto peso-potenza di 1,28 CV/kg, simile a quello di un’auto di Formula Uno. La AMB 001, la prima moto Aston Martin in assoluto, è stata presentata proprio qui nel 2019. La nuova Pro capitalizza gli insegnamenti acquisiti dalla AMB 001, con un aumento di potenza assicurato da un nuovo motore da 997 cc a due cilindri, lavorato a CNC, completamente ricavato da billetta piena di AL 5000. Le proprietà del materiale migliorano la rigidezza del motore strutturale, mentre un nuovo design dei cilindri con camicia a umido aiuta a migliorare il raffreddamento.

11
Kymco Revonex

Si tratta dell’evoluzione della naked elettrica presentata lo scorso anno. Non sono state fornite specifiche elettriche, ma sappiamo solo che la naked si distingue per una trasmissione a cinghia e che sarà equipaggiata con una trasmissione a cinghia. Si tratta di una naked prodotta per velocizzare gli spostamenti in città.

12
Kymco Supernex

La base tecnica dovrebbe essere simile a quella della Revonex, tuttavia, rispetto a quest’ultima, la Supernex è più incentrata alle prestazioni “secche”. Stiamo sempre parlando di una moto elettrica che si caratterizza per uno stile moderno e per una carenatura con i motivi a esagono.

13
DaVinci DC100

Forse è la moto più particolare e ambigua dell’intera Eicma 2022. Si distingue per delle linee geometriche nette, cuneiformi, che rendono complesso comprendere le effettive dimensioni della moto. Le prestazioni sono comunque super: 0-100 km/h in circa 3 secondi, velocità massima di 200 km/h e autonomia dichiarata di 400 km (calcolato con il ciclo NEDC). A spingerla un motore da 135 cavalli.

14
Ducati Panigale V4

La Ducati grande protagonista a Eicma 2022, grazie al titolo mondiale vinto con Pecco Bagnaia. Una delle moto più rappresentative è sicuramente la Panigale V4, che si nota anche per le ali aerodinamiche in carbonio. A spingerla il Desmosedici Stradale R da 998 cc accreditato di 218 cavalli a 15.500 giri/min, con una coppia di 110,8 Nm (237 cavalli nella configurazione da pista con scarico racing). L’esemplare che abbiamo fotografato è personalizzato attraverso il servizio di personalizzazione Ducati Unica, che consente agli utenti di “cucirsi su misura” la propria moto.

15
Horwin Senmenti X

Siamo al cospetto della moto elettrica più avveniristica dell’intera fiera. A renderla unica è anche la seduta di guida: il pilota, infatti, assume una posizione molto particolare, con la moto, che grazie a un sofisticato sistema di bilanciamento del peso, resta in equilibrio. La Horwin Senmenti X è un concept dotato di oltre 30 sensori in grado non solo di interfacciarsi con l’infrastruttura, ma anche di “comunicare” con il guidatore. Le prestazioni sono super: 0-100 in 3 secondi e velocità massima di 200 km/h e autonomia di 300 km. Il produttore cinese fa molto di più di un esercizio di stile per mostrarci il futuro della mobilità su due ruote.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6  +  3  =