Vai al contenuto
Home » Migliori Banche Italiane 2022

Migliori Banche Italiane 2022

Il primo indice di solidità da prendere in considerazione è il cosiddetto Common Equity Tier1 Ratio (Cet1 ratio). Rappresenta il rapporto tra capitale ordinario e le attività ponderate per il rischio. Permette di misurare la capacità di un istituto bancario di far fronte ad un’eventuale crisi finanziaria valutando il capitale a disposizione della stessa. La BCE stabilisce che se questo parametro va al di sotto dell’8%, l’affidabilità delle banche è a rischio.

Il Total Capital Ratio (TCR) è un indice che viene calcolato dividendo il patrimonio di vigilanza per i crediti concessi ai clienti, ponderati per il rischio. È fondamentale per comprendere quanto la banca è sicura nel restituire il denaro ai propri clienti. Anche in questo caso la BCE stabilisce un valore minimo per considerare un istituto di credito sicuro. La soglia minima è fissata al 10,5%.

Infine, il Texas ratio considera i problemi di credito di una banca. È dato dal rapporto tra i crediti a rischio e il patrimonio tangibile della banca. Il Texas Ratio dovrebbe sempre essere inferiore all’unità.

Classifica

Il primato di solidità tra le banche commerciali spetta al Credito Emiliano. La seconda banca italiana per solidità è Mediobanca. Unicredit precede Intesa Sanpaolo. Seguono Banco Bpm e Bper. Il Monte dei Paschi di Siena, controllato dalla Stato, è all’ottavo posto. Chiudono la classifica la Banca popolare di Sondrio e la genovese Carige.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

8  ×  1  =