Vai al contenuto
Home » Ghostbusters Legacy recensione trailer cast trama

Ghostbusters Legacy recensione trailer cast trama

Ghostbusters: Legacy, in arrivo il 18 novembre 2021, si propone di tornare alle origini, collocando questo seguito ufficiale nella continuity rappresentata da Ghostbusters – Acchiappafantasmi (1984) e Ghostbusters II (1989). Seguiteci in questa FAQ per cercare di capire meglio cosa ci aspetta in questo esperimento particolare…

Ci sono trailer o clip in italiano di Ghostbusters Legacy?

Certo, embeddiamo l’ultimo trailer qui in basso, insieme una clip di qualche mese fa in cui Bill Murray reagisce a una specifica scena diffusa. Sappiamo cosa state pensando: ma non manca qualcuno, se questo film è inserito nella continuity originale? Continuate a leggere la nostra FAQ… Più in basso trovate anche una clip in cui il personaggio di Paul Rudd s’imbatte in una versione in miniatura di uno storico nemico degli Acchiappafantasmi…

Chi ha ideato e chi realizza Ghostbusters Legacy?

Lo dirige Jason Reitman, figlio dell’Ivan Reitman autore della bilogia storica, qui in veste di producer. Non è un caso di raccomandazione, dato che Jason è uno dei registi più quotati del cinema americano indipendente contemporaneo. Si tratta di sincero affetto da parte di Reitman Jr., in visita sul set del papà negli anni Ottanta, quando aveva solo sette anni. Affetto ricambiato da papà Ivan, pare commosso alla proiezione di Ghostbusters Legacy.
Chi lo scrive? La sceneggiatura è stata scritta dal regista stesso col Gil Kenan di Ember e del remake di Poltergeist. Nasce comunque da un’idea di Jason: “Un personaggio è venuto da me. Una ragazzina di 12 anni. Non sapevo chi fosse o perché mi fosse venuta in mente, ma l’ho vista con lo zaino protonico in mano. E ho scritto questa storia. Una storia che si è formata in diversi anni, a dirla tutta. E’ cominciata con una ragazza e all’improvviso è diventata la storia di una famiglia.”
Reitman jr. ha avuto il merito di avviare sul serio il progetto, come ha confermato Ernie Hudson nel settembre 2020: “E’ stato ancora prima di ricevere il copione, mi hanno chiamato Ivan Reitman e Jason Reitman, abbiamo parlato e solo allora ho detto: okay, succederà sul serio. Perché ci sono stati un sacco di annunci e tante cose sono sfumate.”

Qual è la trama di Ghostbusters Legacy?

Protagonisti principali della pellicola sono una madre single (Carrie Coon), che in una piccola cittadina americana gestisce i figli interpretati dal Finn Wolfhard di Stranger Things e Mckenna Grace. L’Ant-Man dell’universo Marvel, Paul Rudd, si è unito al cast nei panni del maestro in una scuola estiva frequentata dai due giovani protagonisti; l’uomo sarebbe però anche un sismologo, incuriosito da terremoti che si verificano nella zona. Scommetteremmo su questo come McGuffin della storia.
Beh, e allora che sequel è? Dove sono Venkman, Stantz, Winston? Calma, Reitman ci dice questo dei nuovi protagonisti: “Non sapete quale legame abbiano con i personaggi originali. E anche loro non lo sanno ancora.” Nel teaser già si vedeva la Cadillac storica del team abbandonata in un fienile. Nel nuovo trailer, sembra d’intuire che la famigliola abbia un legame di parentela con uno degli Acchiappafantasmi: pare proprio che sia Egon Spengler il “nonno” scomparso di cui si parla.

In Ghostbusters Legacy ci saranno Bill Murray, Sigourney Weaver, Ernie Hudson, Dan Aykroyd, Rick Moranis?

In una set visit raccontata a gennaio 2020 da Vanity Fair, è stato ufficialmente confermato che il vecchio cast torna al quasi-completo in Ghostbusters Legacy: mancano all’appello soltanto Rick Moranis, fedele al suo ritiro, e naturalmente Harold Ramis alias Egon, deceduto nel 2014. Pare inoltre che gli attori storici abbiano lavorato soltanto per una settimana, confermando che non avranno un ruolo da protagonisti nella storia. La loro presenza però andrebbe oltre il semplice cammeo.
Un tempo non si era detto che Venkman sarebbe tornato come fantasma? Si vociferò in merito quando una delle mille precedenti versioni di Ghostbusters 3 non riusciva a decollare, nel tentativo di convincere un incontentabile Bill Murray con qualcosa di originale. L’idea non è assolutamente confermata per Ghostbusters Legacy, anzi: in un’intervista dell’aprile 2021, Murray ha lasciato intendere di aver recitato con l’armamentario dei Ghostbusters addosso, seppur per poche scene (la cosa è confermata da nuove action figure “attempate”!). Da quello che ha avuto modo di capire, leggendo la sceneggiatura e dai suoi pochi giorni di lavoro sul set (ma faticosi!), il film riesce a catturare lo spirito dei primi due film della saga.
Senza Spengler non sarà lo stesso Ghostbusters… Vi diamo ragione, ma è stato da poco rimasterizzato Ghostbusters – The Videogame, titolo per Windows, Xbox One, Playstation 4 e Switch: fu realizzato nel 2009, presentava una storia originale cucinata con scampoli delle varie stesure non approvate per Ghostbusters 3, e soprattutto presentava i buoni vecchi protagonisti, doppiati dagli attori reali, Murray e Ramis inclusi!

 

Ghostbusters Legacy ha legami col reboot al femminile Ghostbusters (2016)?

No, Jason ha confermato che quel lungometraggio sarà ignorato nella storia, suscitando le ire di una delle attrici, Leslie Jones. In realtà sia Reitman sia Aykroyd hanno lodato alcuni aspetti del reboot: la recitazione delle protagoniste, l’idea del ghostbuster come professione abbracciabile da chiunque. In ogni caso, Ghostbusters Legacy non è un reboot, almeno nel senso letterale.
Ma perché Ghostbusters 3 non è stato realizzato prima, magari quando Harold Ramis / Spengler era ancora vivo? Dan Aykroyd ci ha provato alacremente, sin dagli anni Novanta, con un Ghostbusters III Hellbent in cui tutti finivano all’inferno, in compagnia di acchiappafantasmi cadetti ai quali passare il testimone. Nonostante la Columbia fosse interessata, tutti i colleghi rifiutarono di parteciparvi. Dai primi Duemila, Dan è tornato alla carica con progetti sullo stesso tenore, con una combinazione di vecchi e nuovi ghostbuster, via via più spalleggiato da Ramis e Ivan Reitman, ma spesso sarcasticamente osteggiato da Murray. La morte di Harold Ramis nel 2014 ha scoraggiato Dan e Ivan, portando al reboot di cui sappiamo. Che l’entusiasmo di Jason fosse quello che ci voleva per sbloccare davvero la situazione e “restituire la saga ai fan“, come ha promesso Reitman Jr.?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9  +  1  =