Vai al contenuto
Home » Città più visitate in Italia 2021

Città più visitate in Italia 2021

Considerando la tipologia di vacanza, quella sole e mare è la preferita (47%) anche nell’estate 2021, in crescita sul 2020. Al secondo posto c’è la montagna (23%) che continua la sua fortunata stagione, anche se in lieve calo sul 2020, seguita dai viaggi itineranti in auto, moto e camper (14%), in calo sul 2019 perché restano oggi perlopiù appannaggio dei camperisti. Si conferma, una certa rilevanza dei borghi e dall’entroterra (5%) e la difficoltà delle città d’arte nel recuperare terreno (5%).

Con 100 la città più richiesta dai turisti internazionali è Roma, segue poi Milano a quota 49, Venezia a 41 e Napoli a 30. A sorpresa Catania (22) batte Firenze (20), poi Alghero, Bari, Palermo e Bologna. E’ questa la Top10 delle città italiane più desiderate dai turisti al mondo.

La Biennale di Architettura, Il Salone nautico, la riapertura dei musei, compreso Palazzo Ducale. I grandi eventi e la cultura riportano i turisti a Venezia, soprattutto nei fine settimana, con punte di 50 mila arrivi al giorno.  Molti sono visitatori giornalieri, italiani che arrivano in treno o in auto dalle città vicine. Ma anche gli alberghi del centro storico iniziano a riempirsi. Quasi sette su dieci quelli riaperti. Vaporetti pieni e i Guardians tornati in servizio nell’area Marciana per informare i turisti ed evitare i pic-nic davanti alla Basilica o sui gradini delle Procuratie.

Si respira ottimismo anche sul litorale, in località come Bibione, Caorle, Jesolo, Cavallino e Sottomarina. A Jesolo l’occupazione degli alberghi è intorno al 70%, ma ci sono alcuni hotel, tra i 4 stelle, che fanno registrare il tutto esaurito. Ci sono turisti austriaci, svizzeri e tedeschi delle Baviera – gli stranieri che possono raggiungere il Veneto in auto in poche ore – che approfittano della festività del Corpus Domini.

Agosto da sold out tra Salento e Gargano, ma il turismo è di prossimità

BARI – La Puglia si prepara a una stagione turistica da sold out. Secondo un monitoraggio di Asshotel Confesercenti su un campione di 80 alberghi e 150 tra b&b, case vacanza e campeggi, se il mese di giugno sarà caratterizzato dai last minute, a luglio si salirà fino al 70% di occupazione delle camere, mentre agosto sarà il mese del tutto esaurito dal Gargano al Salento. “Su 100 prenotazioni – spiega Francesco De Carlo di Asshotel – un 15 per cento proviene dall’estero, in parte dall’Europa, ma anche da Inghilterra e Stati Uniti”. Ma la Puglia va forte soprattutto fra gli italiani secondo cui si contano 1,9 milioni di arrivi (+13,6 per cento rispetto al 2020) e 10,6 milioni di presenze (+33,9 per cento rispetto al 2020). Si tratta degli incrementi percentuali, rispetto all’estate 2020, maggiori d’Italia.

Tornano le file davanti ai musei, effetto Ferragni su Firenze

FIRENZE – I turisti hanno ripreso ad affacciarsi a Firenze, e in Toscana in generale. Timidamente, hanno ripreso a bersi un caffè in piazza Duomo, a visitare le sale degli Uffizi, a godersi il verde di Boboli, o semplicemente a farsi un giro sul Ponte Vecchio. Già da maggio si sono intraviste le prime code in piazza Duomo e in altri luoghi tipici della città. A parlare sono i numeri: dopo due mesi di chiusura, nei primi sei giorni di riapertura a maggio alle Gallerie degli Uffizi si sono contate più di 21.000 visite. Se si guarda invece tutto il mese di maggio è stato sfondato il muro delle 100.000 presenze, stimando un aumento del 40% tra la prima e la quarta settimana, con il record stabilito domenica 30 maggio con 8.418 visitatori.

“Firenze in queste settimane sta stupendo tutti con un atteso ritorno di migliaia di visitatori – commenta il sindaco Dario Nardella – soprattutto dall’Italia e dall’Europa. Per la prima volta dopo molti mesi abbiamo visto le file davanti al museo dell’Opera del Duomo, Palazzo Vecchio, e continua a crescere l’affluenza ai musei eccellenti come la Galleria degli Uffizi. La presenza di personalità come Chiara Ferragni prima, Sophia Loren poi, ha acceso la curiosità e l’interesse di tanti italiani. Aspettiamo ora il turismo americano, russo e asiatico che sarà quello che farà davvero la differenza”.

Al momento, si tratta per la maggior parte di un turismo fatto di italiani, spesso famiglie, ma iniziano ad arrivare anche i primi stranieri, soprattutto dai Pesi più vicini come Francia, Spagna, Austria e Svizzera. Per il ponte del 2 giugno Confesercenti ha calcolato che le strutture ricettive della Toscana prenotabili online hanno raggiunto un livello di occupazione del 65%.

Non solo Palermo, assalto alle isole tra luglio e settembre

Negli aeroporti di Palermo e Catania tra giugno e settembre quasi 6 milioni di passeggeri, il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre nei principali porti dell’Isola attraccheranno 300 navi da crociera. I posti letto in Sicilia sono già pieni all’80 per cento e l’obiettivo è crescere ancora fra luglio e agosto per una stagione che gli operatori sperano si prolunghi fino a ottobre. I primi americani sono arrivati nelle scorse settimane a Palermo per un tour della Sicilia, ma sono tanti i gruppi di francesi, tedeschi, inglesi e olandesi e anche di italiani del Nord che hanno scelto la Sicilia per le loro vacanze. Palermo, Cefalu, Noto e Ortigia sono le mete più gettonate, mentre le isole minori sono destinate a essere prese d’assalto da luglio a settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  ⁄  3  =  1